Banner corso gestanti

Corso gestanti

Ad ottobre prenota la tua lezione gratuita

L'acqua è l'ambiente ottimale per fare attività fisica in gravidanza in quanto permette l'utilizzo completo del corpo. La diminuzione della forza di gravità alleggerisce le articolazioni e anche il sistama linfatico ne trova giovamento grazie al drenaggio dei liquidi. Non bisogna saper nuotare e la lezione si svolge con l'ausilio di tubi e tavolette. Consigliato dal terzo mese di gravidanza fino alla fine della gestazione. 

Dopo 50 minuti la muscolatura ne uscirà rilassata in particolare il perineo coinvolto maggiormente nel parto. 

"Per arrivare al parto in condizioni psicofisiche ottimali, condividendo con altre future mamme l'esperienza della materinità "

I benefici del corso: 

  • Il più evidente è che si avverte una straordinaria sensazione di leggerezza e anche quando il pancione diventa davvero voluminoso, il suo peso in acqua viene praticamente azzerato, con grande sollievo soprattutto per schiena e gambe, che alla fine dell’attesa sono particolarmente gravate dall’aumento ponderale.
  • Per lo stesso motivo, muoversi in acqua consente di attenuare l’iperlordosi, ossia la curvatura della colonna a livello lombare, che con la crescita del pancione tende spontaneamente ad accentuarsi, alleviando o prevenendo un fastidio tipico degli ultimi mesi qual è il mal di schiena.
  • A questo si aggiunge il massaggio esercitato dall’acqua, che favorisce la circolazione superficiale degli arti inferiori, che sono una delle zone più soggette a ristagno venoso e linfatico.
  • Inoltre, fare ginnastica in piscina aumenta il tono muscolare e la resistenza allo sforzo e questo consente al corpo non solo di adattarsi meglio alle modificazioni della gravidanza, ma soprattutto di arrivare nelle condizioni ottimali al parto, una delle performance fisiche più impegnative nella vita di una donna.
  • Al tempo stesso si tratta di un’attività molto rilassante: la temperatura dell’acqua nelle vasche dedicate alle lezioni per gestanti è sempre più calda – intorno ai 28-30° – rispetto a quella che si trova solitamente in piscina (che si aggira sui 25-26°) e questo favorisce il rilassamento muscolare, che facilita il relax anche da un punto di vista psicologico.
  • Infine, gli effetti benefici dell’allenamento si vedono anche sul bambino. Si riscontra infatti che le mamme che hanno frequentato i corsi hanno messo al mondo neonati più robusti, con un giusto peso alla nascita e una minore tendenza ad ammalarsi nei primi anni di vita. Il motivo? È come se il bambino si allenasse con la mamma, perché aumenta l’ossigenazione del sangue materno, che automaticamente viene trasportato al feto, che riceve dunque miglior nutrimento. Senza considerare che il movimento particolarmente piacevole che si pratica nell’acqua attiva la produzione di endorfine, che caricano la mamma di emozioni positive che vengono trasmesse al bebè

Richiedi qui la tua prova gratuita